Un week end in musica Il giorno degli hi-fi...di

04/10/2017 Paolo Corciulo

Il cambio della sede prima, una ampia pletora di partecipanti in seguito fanno del Milano Hi-Fidelity la mostra che più si avvicina all’idea di una mostra che sia espressione del mercato italiano (tutto non in parte). Intossicato da troppi anni al Quark Hotel, sede del Top Audio ma al tempo location lontana da quel che si potrebbe definire “una sede appropriata”, devo dire che con piacere ho visitato in passato i locali dell’Hotel Melià e pur recependo le critiche di cui sono da sempre oggetto le manifestazioni italiane, qui ne ho raccolte di meno…
Va aggiunto che con 70 espositori in rappresentanza di svariate centinaia di marchi (magari persino troppi) l’appuntamento milanese è diventato interessante anche per chi è a caccia dell’utima novità o di qualche curiosità che, all’interno di una rappresentazione più ampia del mercato, può essere appagata. Così anche quest’anno dove faranno la loro comparsa, ne cito due solo per ragioni di sintesi tanti nuovi prodotti.

La nuova serie Galactron 3000 ad esempio, con i due integrati MK 3020 e MK 3010, il DAC MK 3001 e il pre fono MK 3002.

New entry anche per Elac che dopo averli presentati al Monaco Hi-End, farà ascoltare la nuova linea Adante dove Andrew Jones si è finalmente sbizzarrito senza eccessivi limiti di budget con risultati sonori rimarchevoli.

Gli Elac Adante l’AF 61 sono il top di gamma; si tratta di un sistema floorstanding che costa poco più di 6000 euro ma ne vale decisamente di più

Ed è solo un antipasto, tanto per cominciare. Poi c’è tutto il resto!

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.