Ciao Roberto Wonderous stories

17/05/2016 Paolo Carnelli

C'è una sedia vuota, lì in mezzo alla sala. Robertone ascolterà e vedrà i prossimi concerti da un posto privilegiato, più in alto, e sono sicuro che non ci sarà più bisogno di prenotare. Quel posto, il migliore di tutti, gli spetta di diritto.

Tanti anni passati ad assistere ai concerti nei club romani, la sua faccia soddisfatta era diventata una costante negli scatti di tutti gli amici fotografi che puntualmente quando rivolgevano l'obiettivo verso il pubblico lo trovavano, assorto, pieno di musica. Il suo commento finale, all'uscita, una tassa inevitabile da pagare, Ma non erano mai critiche fini a se stesse: osservazioni acute, puntuali, dettagliate, frutto del tanto tempo passato a stretto contatto con la musica e con il palco.

Hai ascoltato sempre i concerti con un sorriso, Roberto. Anche se per me è difficile in questo momento, voglio provare a sorridere mentre ti dico arrivederci. Se la prossima volta senti qualcosa che non va, da lassù, fammi un fischio. D'ora in avanti, durante ogni concerto, penserò a te. E al tuo splendido sorriso.

(grazie a Roberto Scorta per la foto)

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.