Triangle e ProJect: vinile primi passi

Dalla casa francese una proposta intelligente per un primoimpianto dedicato all'analogico ma che strizza l'occhio anche ad altre modalità di fruizione della musica. Il tutto sotto i 900 euro...

23/05/2017
di Paolo Corciulo p.corciulo@suono.it

Un giradischi (lo sperimentato ProJect Essential III in versione personalizzata per abbinarsi ai diffusori) e gli Elara LN01 nella versione attiva. Il pacchetto studiato dalla Triangle ha il pregio, al di la di un lieve risparmio economico rispetto all'acquisto dei pezzi singoli, di offrire un sistema esteticamente abbinato (laccato nero o bianco) e di massima efficienza e versatilità. Come da tradizione nella fascia economica l'austriaca ProJect offre il giradischi nella versione completa di braccio e dell'ottima, per la fascia di prezzo, testina Ortofon OM-10e. Nessun problema dunque di montaggio e settaggio del delicato trittico testina-braccio-giradischi. Il diffusore attivo richiede solo il collegamento del cavo del giradischi e la regolazione del volume (peccato che non possa avvenire via telecomando!). Un vero plug&play dunque, di ottima qualità che può anche crescere nel tempo visto che i diffusori consento il collegamento di un eventuale subwoofer oltre che la possibilità di utilizzare altre fonti oltre quella analogica, visto che a bordo offrono uno stadio fono e la possibilità di collegare un lettore cd ma anche fonti digitali, che dispongano del Bluetooth (aptX) o tramite ingresso ottico.
La risposta alla domanda dei giovani (che hanno scoperto il vinile ma non ancora gli strumenti per riprodurlo) e dei meno giovani che solleticati dagli echi del passato vorrebbero tornare ad ascoltarlo!

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.