Suono.it
username: password:
registrati  -  perché registrarsi

password dimenticata?
iscriviti alla newsletter:
SHOPPING: ALL'EVIDENZA
Corde Oblique - A Hail of Bitter Almonds

€ 15,00

in dettaglio
Le Orme - Progfiles

€ 15,00

in dettaglio
Metamorfosi - La chiesa delle stelle

€ 15,00

in dettaglio
Suono.it  >  Musica  >  Recensioni  >  Recensione
Liszt, Busoni
Transcriptions
Sandro Ivo Bartoli, pf.
Classica - Generica
Brilliant

durata: 79'25
Anno di uscita: 2011
Recensito su Suono n° 454 del 7-2011
C’è chi definisce la revisione, la parafrasi, o la trascrizione per diverso ambito strumentale "musica al quadrato", dato che il testo originale è sottoposto alla elevazione che, nell’alterazione, spesso ne potenzia in qualche modo la struttura. Nella maggior parte dei casi le attenzioni che i trascrittori rivolgono alla pagina originaria, animate dalle migliori intenzioni, sono accattivanti, e giungono, nei casi più fortunati, a rivelarne persino aspetti sottaciuti. Nel passato questa attività ebbe indiscutibili riflessi promozionali.Musica al quadrato; ma nel caso di questo brillante ricco CD pianistico di ottimo suono, sembra legittimo parlare di musica al cubo, quando i sei spartiti di mano di Franz Liszt (Études d’éxecution trascendante d’après Paganini, 1838, dedicati all’ingrata Clara Schumann) originati, giusto il titolo, da Capricci per violino solo di Paganini (1782-1840), sono stati affrontati, a loro volta, da Ferruccio Busoni (1866-1924), che nella sua opera sapiente, ne rivide il testo alla luce di una ricerca sullo strumento, che interessò senz’altro il tessuto musicale, ma anche la tecnica fino alla meccanica, e il "linguaggio". (Franz Liszt accorse ad ascoltare Niccolò Paganini una prima volta a vent’anni; al termine della serata, galvanizzato e affascinato, mormorò che se fosse stato possibile realizzare sulla tastiera del pianoforte il prodigio virtuosistico appena udito, lui ci sarebbe riuscito).Segue la grandiosa trascrizione pianistica di Busoni (1897) operata sulla gigantesca Fantasia e fuga (Ad nos ad salutarem undam, 1850) su un tema tratto dal Profeta di Meyerbeer, che Liszt compose per organo. Completano il CD la Rapsodia Ungherese n.19 e il Mephisto Waltz n.1 "Der Tanz in der Dorfschenke" trascritto dalle composizioni orchestrali per il Faust di Nikolaus Lenau.Sandro Ivo Bartoli integra con una tastiera eloquente e di colori smaltati l’arte dei suoi due grandi mentori.

Umberto Padroni