Suono.it
username: password:
registrati  -  perché registrarsi

password dimenticata?
iscriviti alla newsletter:
SHOPPING: ALL'EVIDENZA
Solar Orchestra - Stars That Never Were

€ 15,00

in dettaglio
Mario Crispi - Arenaria

€ 15,00

in dettaglio
Roberto Ciotti - My Blues Best Live Songs

€ 15,00

in dettaglio
Suono.it  >  Musica  >  Recensioni  >  Recensione
Carlo Morena Trio
...Some Portraits

Jazz - Generica
Music Center

durata: 62'52''
Anno di uscita: -1
Recensito su Suono n° 446 del 11-2010
Eccellente lavoro per il trio del pianista Carlo Morena, con Yuri Goloubev al basso e Michele Salgarello alla batteria. Questa produzione registrata negli studi Artesuono nell’autunno del 2009 porta all’ascolto la compattezza davvero invidiabile di un trio a tutto tondo e le non trascurabili qualità individuali di musicisti di grande livello. Soprattutto Morena e Goloubev, non trascurando il puntuale apporto della batteria di Salgarello, acquisiscono lo status di puri solisti, e se per il piano ciò suona più abituale, non lo è tanto per il contrabbasso, pieno invece di una corposità e di una dinamica davvero godibili. I brani trascorrono da una ballabilità armoniosa a ritagli di swing di alta scuola, attraverso composizioni frutto dell’opera del trio (soprattutto Morena) e mostrano senza dubbio una maturità notevole nel pianista che in brani come Poem (in quattro distinte sezioni per piano solo) si rivela davvero splendido all’ascolto. Mentre tracce come l'iniziale Her Eyes e la finale (elegante e ballabile) Would You Dance? portano all’evidenza tutta la cantabilità del trio (con un delizioso archetto sul basso) e la disposizione al suono di un jazz tanto classico quanto tecnicamente impeccabile. Negli undici brani di …Some Portraits non c’è calo di tensione, non ci sono vuoti di creatività o di musica, l’interplay funziona davvero bene e il solista principe, Carlo Morena, non sembra profittare eccessivamente del ruolo di leader, che utilizza anzi intelligentemente per far funzionare a dovere un trio dalla rara compattezza.

Sergio Spada