Qualcuno vi vuol far credere… Il giorno degli hi-fi...di

10/12/2015 Paolo Corciulo

Qualcuno preferisce che i paraocchi che già di suo l'appassionato ama indossare, rimangano al loro posto ben saldi; che l'individuo non eserciti il pensiero critico o, meglio, che non lo faccia pensando invece di non aver rinunciato alla sua capacità critica, diritto essenziale nella nostra esistenza…

Non mi va di sembrare il lupo che ulula alla luna, lo sfascista che vede cospirazioni ovunque; non mi va, anche perché l'accusa non è generica e basta fare il nome dei “colpevoli”! Di chi si tratta? Sono quei produttori, la maggioranza dei produttori, che non sono stati e non sono in grado di reggere ne l'evoluzione tecnologica ne quella delle logiche industriali e per questo propongono al mercato prodotti superati prima ancora di essere sul mercato, offerti a decine di volte il loro valore. Un valore che, dato che non riscontrabile negli elementi oggettivi di analisi, risiederebbe in un quid non quantificabile. Quel quid certo è il sale dell'alta fedeltà ma è anche l'elemento assente nella maggior parte degli apparecchi odierni! Esiste naturalmente l'eccezione ed è quasi sempre rappresentata dalle newco, le nuove aziende pensate e create da nativi digitali: alcune di esse, attingendo senza preconcetti a ogni tipo di soluzione a disposizione, hanno dato vita a prodotti di tale livello che, pur quasi sempre "altro" dalla cultura del buon suono, riescono a fornire prestazioni sonore di grande soddisfazione. Questo può voler dire soltanto una cosa: è stato stabilito un nuovo livello di requisiti minimi. E, a caduta: il digital divide rimarcherà sempre di più in futuro il successo o meno di aziende e prodotti! Avendo ottenuto solo il minimo del potenziale, ci aspetta una generazione di prodotti sorprendenti, quando la “congiuntura strale” riuscirà ad unire logiche da terzo millennio e secolare cultura sonora.
Ma quest'era è comunque già cominciata: un piccolo ma crescente segmento di mercato è li a testimoniarlo con i prodotti che ne fanno parte. Ad essi  è destinata una piccola inchiesta pubblicata su SUONO 502 che, in sintesi, certifica come questi prodotti a parità di costo sono quasi sempre in grado di offrire performance superiori agli equivalenti "tradizionali". Allora è forse giunto il momento di togliere i para...oreccchi?

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.