Debut: la saga continua Comunicato stampa

Nuova versione per il fortunato giradischi ProJect Debut: arriva il Carbon Evolution, un "affinamento" principalmente estetico (ma non solo!) nel design della popolare Debut Collection.

18/08/2020
di A cura della redazione redazione@suono.it

Probabilmente nemmeno chi l'ha creato (1999) pensava che avrebbe avuto così tanto successo: il Debut è  uno dei giradischi più venduti nella storia dell'Hi-Fi con quasi 1 milione di unità vendute! L'idea era quella di creare un giradischi in grado di fornire un suono di qualità ad un prezzo che ne favorisse l'acquisto da una nuova generazione di amanti dei dischi: il giradischi doveva suonare alla grande, essere semplice nell'impostazione e piacevole da usare, e doveva anche essere disponibile in una ampia gamma di colori in modo da poter diventare centrale nell'arredamento dimestico. Nel tempo questa formula è stata via via evolvendosi con l'adozione di nuove tecnologie e tendenze per garantire che fosse  possibile ottenere la migliore soluzione per meno di 500 dollari. All'inizio del 2010 è stato introdotto il Debut Carbon, che ha stupito con il suo inserimento in una fascia più alta incorporando materiali esotici come la fibra di carbonio, l'elastomero termoplastico e una testina di un certo valore; il progetto si è ulteriormente evoluto con il Debut Carbon EVO e pra arriva la nuova versione, Debut Carbon Evolution caratterizzata da ulteriori affinamenti. Il giradischi monta un braccio monoblocco in fibra di carbonio con cuscinetti di precisione a basso attrito e cablaggio interno del braccio in rame ad alta purezza in un pezzo unico. L'apparecchio  dispone di selezione elettronica della velocità, elementi di sospensione mutuati dal modello X1 e un fonorivelatore fono Sumiko Rainier in dotazione (perlomeno in USA) e montato direttamente in fabbrica. Ben 9 le opzioni per la finitura. Il piatto è in alluminio pressofuso pesante da 1,7 kg con smorzamento TPE. Il "debutto" del Debut è previsto a settembre, prezzo negli USA 499 dollari.

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.