Sonos sposa Alexa News

Anche il brand americano sta lavorando a un proprio speaker intelligente.

25/01/2017
di Francesco Bonerba francescobonerba@suono.it

Era un matrimonio prevedibile quello tra Sonos e Alexa, l’assistente vocale creato da Amazon e montato sugli speaker Echo e Dot del colosso delle vendite online. Sulla scia del recente “ménage à trois” tra Lenovo, Harman Kardon e Alexa, che ha dato vita a un piccolo diffusore cilindrico e tuttofare presentato allo scorso CES e sul mercato da maggio 2017, anche Sonos ha annunciato che sta lavorando all’implementazione dell’intelligenza artificiale di Amazon sui propri dispositivi.

Lo ha comunicato in un’intervista a Variety il nuovo CEO dell’azienda, Patrik Spence, recentemente succeduto a John MacFarlane; all’interno di una strategia espansiva che prevede nell’immediato futuro l’apertura di diversi negozi Sonos in USA e Cina, Spence ha ribadito la centralità degli assistenti vocali negli speaker attualmente in fase di sviluppo, dichiarando di essere aperto anche a una collaborazione con l’altro grande competitor di Echo, Google Home.

Già lo scorso agosto Sonos, riconoscendo di aver trascurato il fenomeno delle “intelligenze artificiali domestiche”, aveva anticipato di essere al lavoro per rendere i propri speaker compatibili con i comandi vocali di Echo e Dot; era prevedibile che il passo successivo sarebbe stato quello di bypassare gli speaker Amazon rendendo “autosufficienti” i propri. Resta comunque vitale per Sonos sfruttare un sistema già collaudato e conosciuto come Alexa (o, chissà, in futuro Google Home), indispensabile per stare al passo con una concorrenza sempre più agguerrita.

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.