Al banco di misura

Misure rilevate nel laboratorio IAF

21/01/2021
di Paolo Corciulo p.corciulo@suono.it

La risposta in frequenza risulta estremamente lineare, rilevata in asse e soprattutto fuori dall’asse, sia sul piano verticale che su quello orizzontale. La frequenza di incrocio, fissata poco sopra i 1200 Hz, e il tipo di profilo di raccordo utilizzato sul tweeter, consentono un eccellente controllo della direttività e soprattutto della dispersione. Altro fattore molto importante è la tenuta in potenza del tweeter, in particolar modo alle frequenza molto basse di incrocio: il profilo incrementa il livello di emissione e, grazie all’azione congiunta del crossover elettronico e del DSP di equalizzazione, si possono ottenere elevate pressioni e una linearità con molta meno potenza applicata. Anche il tipo di carico offerto dai due woofer e dal midwoofer risulta una condizione ideale che mette l’amplificazione nelle migliori condizioni di funzionamento e di trasferimento di energia all’altoparlante.

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.