Giorgia - Pop Heart Tour 2019

Classe ed eleganza fatta cantante, è così che si presenta al “suo” pubblico, una tra le più belle voci del panorama Italiano ed internazionale, forse la migliore almeno in Italia: a Roma al Palalottomatica Giorgia incanta... 

21/05/2019
di Claudio Enea claudio.enea@tiscali.it

 

La scaletta

1. Le tasche piene di sassi (Jovanotti cover)
2. Una storia importante (Eros Ramazzotti cover)
3. Gli ostacoli del cuore (Elisa cover)
4. Credo
5. Scelgo ancora te
6. Sweet dreams (Eurythmics cover)
7. Quando una stella muore
8. È l’amore che conta
9. Come neve
10. Dune mosse (Zucchero cover)
11. I feel love (Donna Summer cover)
12. Il mio giorno migliore
13. La mia stanza
14. Ain’t nobody
15. E poi
16. Come saprei
17. Strano il mio destino
18. Un amore da favola
19. Girasole / Tradire fare
20. Easy
21. Di sole e d’azzurro
22. Vivi davvero
23. Stay (Rihanna cover)
24. Io tra tanti
25. L’essenziale (Marco Mengoni cover)
26. Oro nero
27. Anima(Pino Daniele cover)
28. Tu mi porti su
29. I will always love you (Withney Houston)

foto Claudio Enea

Un fuori programma 5 minuti prima dell’inizio concerto, un brusio poi grandi applausi nel primo anello alle spalle del parterre, molta confusione, tanto che credevamo che la produzione avesse voluto preparare una sorpresa modificando l’inizio del concerto, facendolo iniziare con una apparizione da mezzo il pubblico. Niente di tutto questo era solo un gran numero di persone che aveva riconosciuto e voleva salutare Carlo Verdone, che prendeva posto anche lui accorso da spettatore a questa magica serata.

Poi arriva finalmente, attesissima a Roma, l’affascinante Giorgia Todrani, in arte, semplicemente Giorgia, vestita per l’occasione da Dior per mano di Maria Grazia Chiuri, come scritto in più parti, un rimando agli anni 50 ed in particolare alla memoria di Grace Kelly, tre abiti caratterizzati da tute aderenti e gonne in tulle impreziositi da paillettes e cristalli Swaroski, insomma la maison di origine francese non poteva trovare cliente più adatta, carismatica e rappresentativa. Compare così da una pedana salendo dal sottopalco in una silhouette da brividi a far urlare un gremitissimo Palalottomatica, inizia la serata del Pop Heart Tour di Roma che prende il titolo dall’omonimo album cover, primo per l’autrice-interprete romana. 

Disco di platino che vede rivisitati brani come Le tasche piene di sassi di Jovanotti che apre il concerto, Una storia importante di Eros Ramazzotti” e tante altre. Oltre i brani dell’album anche molte pietre miliari, da E poi, a Come saprei, Come neve e molti altri per 2 ore e mezza di pura energia musicale, in una scenografia allestita magistralmente dove luci e pareti led aiutano ad accompagnare lo spettatore dentro i brani che hanno scandito la carriera dell’artista.
Ne è passata di acqua sotto i ponti da quel lontano ’93 in cui Giorgia vinse il San Remo Giovani, in questi 25 anni l’abbiamo vista duettare con le più autorevoli voci del panorama mondiale, raggiungendo una maturità vocale ed interpretativa fuori dall’ordinario, quando appare lei sulla scena ti aspetti sempre qualcosa di spettacolare, qualche cosa di unico. Così è, quando trasmette emozioni interpretando Anima di Pino Daniele, o quando in forma reverenziale dice “Ora vi chiedo scusa in anticipo per questo brano che proverò a cantare davanti a voi e spero che lei, anche se da lassù, lei potrà capirmi e scusarmi” prima di intonare I Will always love you di Withney Houston, ma ormai Giorgia è arrivata ad un livello tale di maturità che non c’è pezzo che non possa cantare!
Su queste note finisce la serata romana che l’ha vista saltare, ballare, firmare autografi come nulla fosse mentre continuava a cantare coadiuvata da un band di elevato livello formata da Mylous Johnson alla batteria, Sonny Thompson al basso, Jacopo Carlini al pianoforte, Fabio Visocchi alle tastiere, Anna Greta Giannotti alla chitarra, Diana Winter cori e chitarra, Andrea Faustini cori, ultimi due con i quali duetta pure durante il concerto.

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.