Just a Music Festival? Comunicato stampa

Forte del grande successo delle tre precedenti edizioni, torna a Roma l'8 e il 13 giugno Just Music Festival, uno dei più importanti eventi internazionali che rende la Capitale teatro della migliore ricerca sonora e artistica contemporanea.

06/06/2018
di Vittorio Pio

Dj set, proiezioni e live performance che attraversano i generi, gli stili e le nazioni. Non un festival di sola musica, come potrebbe lasciar intendere la traduzione letterale del nome… Un evento il Just Music Festival che nella musica vede un linguaggio universale in grado di reinventare le relazioni umane e a creare nuove comunità. Dopo aver portato sul palcoscenico romano artisti del calibro di Massive Attack, Public Enemy, Pet Shop Boys, Disclosure, Travis, Paul, Nicolas Jaar e tanti altri, Just Music Festival propone quest'anno una nuova e speciale edizione in due serate a cavallo tra clubbing, arti visive e ricerca.

Le date

8 giugno (MAXXI - dalle 18.00 alle 04.00)
13 giugno (Terme ci Caracalla - ore 21.00)

Venerdì 8 giugno al MAXXI – Museo Nazionale del XXI secolo, tra le avveniristiche linee architettoniche disegnate da Zaha Hadid, prenderà vita, dalle 18 fino a tarda notte, una grande soirée in cui si alterneranno alla consolle alcuni dei nomi di punta del clubbing più ricercato a partire da Seth Troxler, producer statunitense che ha calcato tutti i più importanti palchi del mondo con il suo sound eclettico e trasversale, al tedesco Gerd Janson, tra i più rispettati e acclamati dj della nuova generazione; fino al leggendario Vatican Shadow, al secolo Dominick Fernow, icona dell’underground ed eroe dell’elettronica anni 2000, senza dimenticare il multiforme e camaleontico progetto VIPRA che da Torpignattara ha diffuso la fede nella “musica jao” in giro per l’Europa. Al minimalismo techno in continua evoluzione del duo Howl Ensemble, progetto “fra i più freschi degli ultimi anni” per un sito di riferimento come Parkett, si aggiungono poi le atmosfere house di Francesco Costantini e Riccardo Carnevale, per chiudere in bellezza con il grande Hugo Sanchez, personaggio cardine dell’underground romano. L’evento vedrà anche la speciale partecipazione del talento artistico di Nico Vascellari che, oltre ad un’inedita “apparizione” musicale al fianco di Vatican Shadow, presenterà al pubblico il suo nuovo libro antologico “Codalunga” (NERO, 2018), messa a punto delle proprie esperienze e collaborazioni sul fronte della sperimentazione sonora e visiva. Sarà inoltre possibile visitare gratuitamente “Revenge”, un’imponente installazione tridimensionale dal carattere performativo e relazionale che racchiude una molteplicità di codici linguistici e con la quale Vascellari partecipò alla Biennale di Venezia e vinse il Premio per la Giovane Arte Italiana nel 2007. “Revenge” verrà inaugurata il giorno precedente, giovedì 7 giugno. Mercoledì 13 giugno le Terme di Caracalla faranno da affascinante cornice a uno dei live più attesi dell'anno: quello dell'icona musicale internazionale Björk che arriverà a Roma in esclusiva nazionale. Eclettica, mutevole e carismatica, la magnetica artista islandese ha forgiato la storia della musica contemporanea con il suo percorso innovativo e unico. A una sperimentazione sonora che coniuga in maniera pop i generi più diversi come l’elettronica, il rock, il jazz e la musica classica, si unisce una forte attenzione alla dimensione visuale che rende ogni suo concerto un'esperienza potente e di forte impatto multisensoriale. A seguire, un aftershow d’eccezione in una secret location che vedrà in consolle il duo Dumfound, progetto che arricchisce la tech-house delle dimensioni armoniche e compositive della musica “alta”, e l’attesissima nuova stella del dancefloor William Djoko, esponente di spicco della nuova scena olandese.

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.