12/05/2003

di Alex Saccomano

Quinta produzione per Cristina Donà, l’autrice affermatasi con due splendidi album con i quali ha vinto, nel giro di breve tempo, una quantità di premi e riconoscimenti davvero invidiabili: dai nostri Premio Tenco a quelli d’Oltre Manica, grazie alla rivista Mojo e a Robert Wyatt, che ha giudicato il CD Tregua uno dei migliori della stagione e con il quale nascerà un sodalizio musicale molto interessante. Prodotto da Davey Ray Moor, musicista australiano nonché produttore dei Cousteau, il CD Dove sei tu è stato registrato in brevissimo tempo e grazie alla tecnica imposta dal produttore di non provare i brani prima di registrarli in studio, ha impresso alle partiture, davvero insolite, un’energia particolare. Musica pop, folk sicuramente d’avanguardia perché caratterizzata dalla morsa poetica delle liriche e dalle splendide ispirazioni vocali dell’autrice.La voce di Cristina Donà appare, a tratti, come di seta per alternarsi a potenti esplosioni. Un disco bello, maturo, ben arrangiato, originale e articolato nelle sue partiture che porterà sicuramente altri premi nel palmares della Donà. Per darvi un idea, così, tanto per non fare nomi, niente a che vedere con le banalità vocali di Giorgia o Carmen Consoli. Roba da grandi.

Per inviare commenti devi essere autenticato. Effettua il login.

Non sei registrato? Registrati.