Dual in Italia con Tecnofuturo

Di:A cura della redazione
Pubblicato il:

A partire dal primo novembre Tecnofuturo è il nuovo distributore del rinomato marchio tedesco specializzato in giradischi

La storia ultracentenaria di Dual GmbH, fabbrica di giradischi in quel di St. Georgen nella Foresta Nera nel sud ovest della Germania, assomiglia molto a quello di un altro glorioso marchio praticamente coetaneo nato nella vicina Svizzera, ovverosia Thorens. Entrambe iniziarono producendo meccanismi a molla per la ricarica di orologi e altri piccoli oggetti che necessitavano di componenti simili. Con il successo di questa attività sia Dual che Thorens, in pochi anni giungeranno a produrre i loro primi grammofoni.  Fondata dai fratelli Christian e Josef Steidinger, la Gebrüder Steidinger, dopo la Grande Guerra, vede i due separarsi. Rimane Christian che si dedica alla fonografia, presentando la Elektro-Feder-Motor, una combinazione tra il caricamento a molla che aziona un motore elettrico, dal quale nasce il primo giradischi “duale” e di li a poco la ditta prende il nome Dual. Gli affari vanno bene al punto che la fabbrica assume decine di dipendenti e nel 1933, i figli di Christian, Oskar e Siegfried proseguono e rafforzano l’attività di produttori di giradischi. In pratica la fabbrica è condotta da una vera e propria dinastia dei Steidinger e neppure la calamità nazista la ferma.

Negli anni cinquanta Dual diventa addirittura il primo produttore al mondo di giradischi, inventando anche la fonovaligia, contando ben tre fabbriche. Negli anni sessanta arriva il primo giradischi definito Hi Fi il mod.1009 che si può ancora trovare in vendita anche su eBay.  Marchi come Grundig, Saba e Telefunken si riforniranno di molti pezzi per i loro giradischi. Con migliaia di dipendenti Dual fagocita la concorrente  Perpetuum-Ebner una lontana creatura di Josef, il fratello di Christian Steidinger. Negli anni ’70 la concorrenza diventa forte e proprio la vicina Thorens supera nei numeri e nella considerazione degli audiofili la Dual. L’erosione del mercato porta al declino di Dual che vende la sua proprietà che passa prima alla francese Thomson e nel 1988 entra nel gruppo Schneider. Ora la produzione è di tipo OEM per marchi come Rotel mentre con il nome Dual vengono venduti televisori.

Dopo altre peripezie una parte della Dual viene scorporata, nel 1993, dalla Schneider e, nuovamente a St. Georgen, con il nome di Dual Phono GmbH torna a produrre esclusivamente giradischi con modelli siglati CS, molto tradizionali e relativamente economici. Nel 2018 l’azienda viene acquistata da Josef Zellner (a sinistra nella foto) e nel 2020 DGC GmbH cambia il suo nome in Dual GmbH e sposta la sua sede a Landsberg am Lech in Bavaria. Attualmente l’azienda impiega 30 dipendenti e e il catalogo comprende una dozzina di modelli tra quelli a telaio rigido e altrettanti a telaio flottante.

close

Completa i tuoi dati e segnala le tue preferenze

In edicola

SUONO n° 558

Dicembre
 2021

Gli ultimi articoli

Duo flauto-chitarra a Roma Sinfonietta il 1° dicembre all’auditorium di Tor Vergata

Paola D'Ignazi
-  

Mercoledì 1 dicembre per i concerti di Roma Sinfonietta all’Auditorium “E. Morricone” dell’Università di Roma “Tor Vergata” (Macroarea di Lettere e Filosofia, via Columbia 1) suonerà il Duo Amigdala.

Leggi tutto...

Ecotons: Jam Session e Live Concert

Paola D'Ignazi
-  

Irina Solinas sarà protagonista il 10 dicembre a Como presso Tre Incroci (Ex Tintostamperia Val Mulini) di un triplo evento, promosso nell’ambito delle iniziative di Gener-Azioni: al mattino, un incontro musicale per i ragazzi e le ragazze ospiti del Centro Socio Educativo di Ancora Società Cooperativa Sociale, al pomeriggio una Jam Session aperta a tutti gli artisti del territorio e alla sera il live dello spettacolo Ecotonos.

Leggi tutto...

Strange Days: 15-16 luglio 2022 Supergrass e Idles al Parco delle Valli a Roma

Paola D'Ignazi
-  

Due giorni all’insegna delle chitarre e del divertimento al Parco delle Valli a Roma il 15 luglio con i Supergrass e il 16 luglio con gli Idles.

Leggi tutto...

Il giornale secondo loro...